La felicità è un processo di trasformazione

Ci ho messo tantissimo a scegliere questa frase come mia preferita.
Penso di aver scelto quella che, al momento, più si adatta a me e al mio viaggio,
a ciò che divento ogni giorno e a quello che credo sia il mio obiettivo più grande.

Tutto si trasforma, tutto cambia,
inevitabilmente, ogni giorno e senza che noi possiamo evitarlo.
Certe cose iniziano, altre finiscono,
oppure qualcosa cambia forma e contenuto.
Possiamo vivere questi passaggi come positivi o negativi,
ed ogni scelta è legittima.
Personalmente, scelgo di accogliere il cambiamento
come una possibilità, per quanto difficile possa essere a volte (e spesso lo è)
perché penso che ogni cosa che accade può essere un insegnamento.

Ho trovato che una buona soluzione sia celebrare il cambiamento
attraverso l’arte, attraverso le storie,
attraverso l’espressione creativa che quel cambiamento stimola.
Sì, anche il silenzio può essere un’espressione creativa
secondo me, perché racconta senza usare parole
e racconta di una fase emotivo-espressiva che vive un inverno
e l’inverno, si sa, è necessario per passare alla primavera.