Mindfulness e morbo di Crohn

🎧 Se vuoi, puoi indossare le cuffie e ascoltare l’articolo 🎧 Nel 1999 mi è stato diagnosticato il Morbo di Crohn (oggi Malattia di Crohn), una patologia autoimmune che mi accompagna da allora e comporta vari fattori tra cui sintomi differenti in base al grado di infiammazione, dolore e stanchezza cronica, complicazioni e privazioni nell’alimentazione, problemi incalzanti alle articolazioni, difficoltà nella gestione del peso e, non di meno, influisce in maniera importante sul tono del mio umore fino a incentivare manifestazioni depressive e depressione vera e propria. Fino a qualche anno fa, gli unici strumenti a mia disposizione erano i farmaci, che presumibilmente prenderò a vita, il monitoraggio continuo e la gestione differente della dieta in base alle sintomatologie.Non mi vergogno di dire che per tutti i primi 10/15 anni della malattia, non la accettavo: passavo dalla negazione alla depressione, passando per trascuratezza e autolesionismo, disordini alimentari, cure sperimentali ed effetti collaterali nonché un costante senso di inadeguatezza; cercavo con tutte le forze di dimostrare a me stessa e al mondo, di essere in grado di farcela a fare sempre tutto, facendo finta di non avere nulla, senza ascoltare la patologia nel mio corpo e portandomi sempre al limite.Fingevo di vivere serenamente e dentro mi lasciavo corrodere dal disagio; fuori sembravo una persona battagliera e tosta, mentre dentro ero arresa e sconfitta, piena di ansie, insicurezze e…