2015, Londra.
Un letto a castello come studio di registrazione, una ciabatta come percussione, cavi penzolanti e una sola sera per registrare le voci di un pezzo come abbiamo potuto.
Eppure il talento di Fabio si sente. Eccome.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *